La polizia identifica chi visita le ambasciate estere a Minsk

Già a gennaio i media indipendenti bielorussi avevano informato che davanti alle ambasciate degli Stati Uniti, della Germania e della Gran Bretagna a Minsk la polizia bielorussa identifica e registra tutte le persone che entrano. Giovedì 11 aprile 2013 il politologo bielorusso Valeri Karbalevich (nella foto) è stato fermato dalla polizia davanti all’ambasciata tedesca, dove era atteso dall’ambasciatore. I poliziotti volevano registrare i suoi dati e non volevano permettergli di entrare senza essere identificato. Valeri… Continua a leggere »

Tutti i soldi di Lukashenko

I media russi mostrano con eccitazione i segni esteriori della ricchezza di Aleksander Lukashenko. Ma non sono gli orologi, i gioielli, i conti all’estero o le residenze a determinare la potenza finanziaria del presidente bielorusso. Lukashenko controlla istituzioni che generano guadagni milionari. Solo lui le gestisce e da solo decide a cosa destinare i loro soldi. Il Fondo di Riserva del Presidente Il presidente della Bielorussia gestisce il Fondo di Riserva del Presidente [Резервный фонд… Continua a leggere »

Come il KGB infiltra agenti nell’opposizione all’estero

Il regime bielorusso sa bene che Internet rappresenta uno spazio di libertà pericoloso per la sua sopravvivenza. Per questo il regime, oltre alle limitazioni di accesso a determinati siti, agisce anche con attacchi informatici con cancellazione del contenuto (come è avvenuto al portale charter97.org, poi ripristinato), con cattura di password per l’accesso a email, skype e social network, ma anche inviando fisicamente agenti all’estero, per raggiungere e neutralizzare gli oppositori che agiscono via Internet. L’articolo… Continua a leggere »

L’emigrazione bielorussa in Europa

Sempre più Bielorussi possiedono la Carta di soggiorno permanente in Unione Europea. Negli ultimi quattro anni il loro numero si è raddoppiato. Metà della diaspora bielorussa vive in Polonia, e questo grazie alla “Karta Polaka”, riferisce il portale generation.by. In Bielorussia non vengono condotte statistiche riguardanti i cittadini che si trasferiscono all’estero. Per questo è difficile valutare le dimensioni dell’emigrazione e stimare il numero preciso di cittadini che cercano fortuna all’estero. Uno degli indicatori può… Continua a leggere »

Aggiornamento sul film “Sogno Bielorusso”

Il film “Sogno Bielorusso” su youtube ha attualmente raggiunto un ritmo di circa 150 visualizzazioni a settimana. Dal 26 marzo il film è online su youtube nella versione ad alta qualità al nuovo link youtube.com/watch?v=UgKZ7Zn4nzU e quindi il conteggio delle visualizzazioni riparte da zero. Le precedenti versioni su youtube avevano raggiunto complessivamente oltre 1300 visualizzazioni. Iniziano ad arrivarmi le email di chi ha visto il film. Nei commenti di chi scrive ritrovo quello che io… Continua a leggere »

Il “miracolo” della disoccupazione allo 0,6%

Secondo i dati dell’ufficio statistico nazionale, a febbraio in Bielorussia i disoccupati sono stati pari allo 0,6% della popolazione attiva. Questo tasso “miracoloso” non è una novità in Bielorussia: negli ultimi cinque anni il tasso di disoccupazione ufficiale non ha mai superato l’1%. Gli esperti indipendenti invece stimano che la disoccupazione reale in Bielorussia sia molto maggiore di quanto mostrano le statistiche ufficiali. L’istituto Gallup ritiene che questo basso indicatore ufficiale non riflette la realtà,… Continua a leggere »

Essere poliziotto in Bielorussia

Possedere la propria casa è il desiderio di ogni giovane bielorusso. Tuttavia le possibilità di poter comprare un appartamento sono molto ridotte, confrontando i costi delle case con i guadagni. Questo problema non riguarda però i funzionari della polizia bielorussa. Le forze dell’ordine, a tutti i livelli, possono acquistare il proprio appartamento a un prezzo che è molte volte minore di quello a cui può comprarlo un semplice cittadino. La differenza è veramente notevole. Come… Continua a leggere »

Non voleva sparare alla gente

Il 22enne Stepan Zakharchenko, ex sergente delle unità speciali antiterrorismo della Bielorussia fuggito in Lituania, ha dichiarato il 18 marzo a Radio Free Europe che la sua richiesta di asilo politico la settimana scorsa è stata finalmente accolta. Negli ultimi mesi aveva temuto la sua estradizione in Bielorussia, dove lo aspettano molti anni di prigione per diserzione e tradimento dello stato. Nell’estate 2011 l’opposizione bielorussa aveva organizzato in molte città della Bielorussia le cosiddette “manifestazioni… Continua a leggere »

Come si costruiscono le false accuse: il caso di Vitali Kovsh

Sempre più spesso il regime in Bielorussia, per darsi una parvenza di democrazia, rinchiude in carcere gli oppositori politici e gli attivisti per i diritti umani con false accuse di crimini comuni. E’ il caso più noto di Ales Bialatski, difensore dei diritti umani formalmente in carcere per evasione fiscale, ma anche di molti meno noti, come Vitali Kovsh, un attivista che martedì scorso è stato condannato a 4 anni di prigione con un imputazione… Continua a leggere »

Anton Suriapin: solo quando vai controcorrente capisci quanto vale la libertà di parola

Anton Suriapin è lo studente di giornalismo 20enne che a luglio 2012 aveva pubblicato nel suo fotoblog le immagini degli orsetti di peluche con cartelli inneggianti alla libertà di parola, lanciati in Bielorussia da un aereo ultraleggero pilotato da due cittadini svedesi. Per la pubblicazione delle foto, ricevute via email da una ragazza di 17 anni, Ekaterina Skurat, Anton è stato arrestato, tenuto in prigione per oltre un mese e rilasciato con l’obbligo di residenza… Continua a leggere »