Non voleva sparare alla gente

Il 22enne Stepan Zakharchenko, ex sergente delle unità speciali antiterrorismo della Bielorussia fuggito in Lituania, ha dichiarato il 18 marzo a Radio Free Europe che la sua richiesta di asilo politico la settimana scorsa è stata finalmente accolta.

Negli ultimi mesi aveva temuto la sua estradizione in Bielorussia, dove lo aspettano molti anni di prigione per diserzione e tradimento dello stato.

Nell’estate 2011 l’opposizione bielorussa aveva organizzato in molte città della Bielorussia le cosiddette “manifestazioni silenziose”, nelle quali centinaia di persone protestavano contro il regime di Lukashenko. Le autorità, temendo che il movimento popolare spontaneo potesse prendere forza, avevano messo in campo la polizia e le manifestazioni erano state disperse con violenza, arrestando centinaia di persone.

Secondo Zakharchenko nella sua unità militare gli ufficiali avevano chiesto ai sottufficiali di firmare la dichiarazione che, se le forze del Ministero degli Interni non fossero riuscite a controllare le proteste di massa della popolazione, i sottufficiali avrebbero eseguito tutti gli ordini dei comandanti, compreso aprire il fuoco contro la popolazione civile inerme.

Zakharchenko non aveva ubbidito agli ordini dei superiori e non aveva firmato la dichiarazione. A causa delle continue vessazioni e intimidazioni approfittando di un’occasione e aveva passato illegalmente la frontiera con la Lituania.

Zakharchenko spiega che non capisce se si sia trattato di un ordine dall’alto o di una provocazione allo scopo di verificare la fedeltà dei sottufficiali nei confronti del regime. Gli ufficiali avevano detto: “O firmate il foglio, o da civili ci tornate come invalidi”, ha dichiarato l’ex sergente.

Il Ministero della Difesa Bielorusso continua a cercare il coscritto Stepan Zakharchenko, che ha lasciato senza autorizzazione l’unità militare di appartenza il 27 luglio 2011. Come informa il servizio stampa del Ministero degli Interni, è in corso una causa penale contro di lui.

Fonte: kresy24.pl / belaruspartisan.org / lithuaniatribune.com
Traduzione: infobielorussia.org


Stepan Zakharchenko | russo: Степан Захарченко